Dieta

Come combattere l’osteoporosi con rimedi naturali

L’osteoporosi è una malattia delle ossa che, purtroppo, colpisce molte persone. Tendenzialmente l’età delle persone affette da questo malanno non è più così giovane, vero, ma nemmeno così avanzata da giustificare una riduzione delle capacità motorie.

Solitamente sono le donne a essere colpite dall’osteoporosi, un numero che sale vertiginosamente fra quelle entrate appieno nella menopausa. Questo aspetto fa infatti pensare che sia il calo degli estrogeni nel corpo di una donna una delle concause responsabili dell’insorgere di questo male.
D’altra parte le cause precise non sono ancora ben note. Più che chiari e conosciuti sono, invece, gli effetti dell’osteoporosi.

La massa e la densità delle ossa tende man, mano a ridursi, come se stessero diventando dei corpi cavi. Riducendosi lo spessore, e di conseguenza la robustezza, delle ossa, ne consegue che più facilmente si possa andare incontro a problemi di non poco conto e molto seccanti, come le fratture per esempio.
Le zone più colpite sono, poi, solitamente le vertebre e il collo del femore.

Il ruolo del calcio nel combattere l’osteoporosi

Si è creduto, erroneamente, che per combattere l’osteoporosi bastasse assumere grandi quantità di calcio. Ossia che aumentando l’apporto di formaggi nella propria dieta, si potesse prevenire l’osteoporosi grazie all’aumento delle quantità di calcio nel corpo.

Il mito della semplice carenza di calcio come causa di questa malattia nacque a seguito della falsa credenza che le ossa si indebolissero solo a causa di un’incapacità corporea di fissare il minerale alle ossa.

La carenza di calcio non è, però, l’unica motivazione responsabile dell’insorgere dell’osteoporosi. Va subito chiarito, infatti, che assumere il calcio per prevenire la malattia è una delle raccomandazioni da parte dell’OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità, l’agenzia speciale dell’ONU che si cura della salute. Non è però nell’aumento del consumo di formaggi e latte la risposta, questi alimenti, anzi, possono solo far aumentare il tasso di colesterolo nel sangue.

Ciò rappresenta una minaccia perché il colesterolo è un tipo particolare di grasso che, associato ad altri fattori come pressione alta e vita sedentaria, può andare ad accumularsi nei vasi sanguigni, incrementando le probabilità di andare incontro a infarti e ictus.

Calcio sì o calcio no? Calcio sì, assolutamente. Non è però nell’aumento del solo calcio la risposta. Bisogna infatti che questo prezioso minerale sia “aiutato” a essere fissato nelle ossa. Come? Con l’esercizio fisico.

L’importanza del moto contro l’osteoporosi

Praticare ginnastica in forma dolce stimola la fissazione del calcio. Ciò non vuol dire che ci si debba chiudere in palestra per ore e ore a sudare, bensì che seguire un corso di ballo, fare jogging o semplicemente camminare molto, aiuta, e non poco, a combattere l’osteoporosi.

L’attività fisica è da sempre la migliore alleata contro ogni malattia. Stare in esercizio, infatti, rende il nostro corpo più pronto a prevenire e a combattere qualsiasi malanno. L’azione svolta dall’attività fisica, però, può essere aiutata ancora. Come? Con degli integratori naturali.

Quali integratori assumere contro l’osteoporosi

Grazie all’assunzione di integratori a base di sostanze naturali, di quelle non nocive e, anzi, a dir poco benefiche, si può avere un ulteriore aiuto contro l’osteoporosi. Alcuni di questi integratori mirano proprio all’aumento dell’assorbimento del calcio nelle ossa, per esempio.

È il caso di quelli a base di vitamina D e dei suoi derivati, che favoriscono l’assimilazione del calcio a livello intestinale. Altra vitamina importante è la K, una valida alleata contro il rischio di fratture e di osteoporosi. In ultimo, ma non per ultimi, anche quelli, ovviamente, che arricchiscono il livello di calcio nel corpo.

Per ricapitolare, contro l’osteoporosi sono 3 gli alleati vincenti: una buona dieta, moto e attività fisica e integratori studiati appositamente per combattere questa malattia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *