Integratori, Studi Clinici

Integratori per osteoporosi: ristabilire la densità ossea dell’apparato scheletrico

Gli integratori per osteoporosi consentono di rallentare in modo significativo la rarefazione del tessuto osseo.

Il processo di invecchiamento delle ossa compare naturalmente dopo i 50 anni, ma può svilupparsi in osteoporosi se il degrado della struttura ossea è più veloce del normale. Gli integratori per osteoporosi consentono di rallentare il processo degli osteoclasti. Queste ultime sono le cellule che le ossa vanno ad eliminare durante il loro processo di vita, rimpiazzandole con gli osteoblasti, ovvero le nuove cellule ossee.

Durante la fese di crescita il rapporto è sensibilmente a vantaggio degli osteoblasti, e lo scheletro si trova così in fase di ossificazione; il tessuto osseo nuovo è maggiore di quello che viene eliminato gradualmente.

In età adulta il rapporto tra osteoblasti ed osteoclasti è equilibrato, ma dopo i 50 anni si comincia ad assistere una lento, ma progressivo aumento dei secondi a scapito dei primi. Si tratta di un processo naturale collegato all’invecchiamento dell’organismo, ma che molto spesso presenta una pericolosa accelerazione in determinati soggetti; nelle donne con menopausa precoce o oltre i 65 anni, e negli uomini oltre i 70 anni. Specialmente tra le donne, l’osteoporosi colpisce sino al 33% della popolazione femminile al di sopra dei 40 anni, segnando un’incidenza che è sino a tre/quattro volte maggiore di quella degli uomini.

Gli integratori per osteoporosi, come il Potential N Omikron, riducono la diminuzione della densità ossea rallentando così il processo della malattia, sino a rimodellare la qualità della struttura ossea, prevenendo così l’insorgere delle rotture e fratture a cui sono esposti i soggetti colpiti da osteoporosi.

L’osso è costituito oltre che da una parte cellulare, anche da una matrice extracellulare, organica e minerale; la componente organica è costituita principalmente da collagene, su cui si fissano i sali di calcio; quando la matrice di collagene si deteriora, i sali di calcio si disperdono (decalcificazione), per cui nonostante un supplemento con calcio e vitamina D, detta matrice non può remineralizzarsi se non viene prima rigenerata. Il collagene idrolizzato Colswine, arricchito con silicio e vitamina C  fondamentali per la sintesi del collagene, MSM utile per elasticizzare le molecole di collagene, OPC e vitamina E utili per rallentarne il degrado, risulta un integratore importantissimo per la rigenerazione e la protezione del collagene osseo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *