Integratori

Parainfluenza: il male della primavera

GE.FO. nutrition Srl: combattere la parainfluenza con Gefobiotic

Gefobiotic è l’alleato contro i mali primaverili, come le temibili parainfluenze. Cosa sono le parainfluenze? Sono delle infezioni virali molto simili all’influenza. Per lunghi anni infatti non veniva nemmeno riconosciuta la differenza fra le due sindromi sistemiche.

Per molto tempo si è ritenuto che influenza e parainfluenza fossero la stessa patologia. Solo verso la fine degli anni ’50 è stato riconosciuto il differente ceppo virale che dà luogo all’una o all’altra sindrome sistemica. Le scoperte virologiche di quegli anni introdussero la distinzione tra l’Orthomyxovirus e il Paramyxovirus. Il primo responsabile dell’influenza, mentre il secondo collegato direttamente alla parainfluenza.

Negli anni a seguire sono stati riconosciuti oltre 250 virus che possono causare questo male tipico del periodo primaverile e autunnale. Oltre al Paramyxovirus, sono stati individuati anche, per esempio, gli Adenovirus e gli Enterovirus.

Perché questi virus hanno poca forza con il freddo e si risvegliano più che altro in periodi misti come la primavera e l’autunno? Per due ordini di ragioni.

La prima è il cambio di temperatura, anche repentino, che caratterizza queste stagioni. Ciò provoca un indebolimento generale delle difese immunitarie e quindi un ambiente più facile da aggredire per i virus. È proprio questa una delle azioni di Gefobiotic, che agisce sia come antinfettivo che come immunitario.

La seconda è da ritrovare nell’aumentato tasso di umidità della primavera e dell’autunno. Alcuni studi confermano che più del freddo, è l’elevato tasso di umidità, unitamente agli ambienti affollati, il veicolo più veloce per la trasmissione dei virus che causano la parainfluenza.

I sintomi della parainfluenza

Il fatto che per tanti anni non venissero distinte come differenti patologie l’influenza e la parainfluenza, può lasciar immaginare quanto siano simili. Una similitudine che comporta comunque dei tratti caratteristici per l’una come per l’altra sindrome sistemica. Oltre al periodo di maggiore diffusione, ovviamente.

L’influenza è più diffusa in inverno e comporta febbre, accompagnata da problemi alle vie respiratorie e, raramente, da problemi gastrointestinali. Inoltre, i sintomi dell’influenza possono protrarsi per una settimana o anche di più.

La parainfluenza è maggiormente diffusa durante la primavera e l’autunno e i suoi sintomi sono più limitati nel tempo. Solitamente la parainfluenza ha una durata di 3-4 giorni dalla comparsa del primo sintomo. I mali che comporta raramente comprendono la febbre, infatti sono più che altro legati a problemi dell’apparato respiratorio e gastrointestinale.

Gefobiotic si rivela particolarmente efficace in quei soggetti dalle difese immunitarie più deboli, come i bambini e gli anziani. In questi soggetti infatti la parainfluenza è la causa più comune per la Croup, ossia la laringotracheobronchite, una malattia dell’apparato respiratorio che per essere curata richiede solitamente il ricovero in ospedale.

Come curare e prevenire la parainfluenza

Essendo un virus, andrebbero evitate tutte quelle situazioni di più facile contagio. Luoghi affollati e poco areati sono da scartare a priori. È buona prassi, poi, lavarsi bene le mani ed evitare di toccare cibo, occhi o bocca con le mani sporche.

Nel caso queste precauzioni fossero inefficaci, Gefobiotic può dare quella spinta in più al sistema immunitario grazie alla sua formula a base di olii essenziali. Inoltre, offre un’estesa copertura antinfettiva.

Gefobiotic 56 capsule possiede delle proprietà antinfiammatorie e antispasmodiche che aiutano a combattere i sintomi della parainfluenza. Questa sindrome sistemica di origine virale può essere infatti curata solo con rimedi che riducano i malesseri causati dai sintomi da essa provocati.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *